Profilati SpA di Medicina, approvato il Contratto Aziedale
9 Aprile 2024

Le Rsu assistite da Fim, Fiom e Uilm hanno sottoscritto nei giorni scorsi l’accordo per il rinnovo del Contratto Aziendale della Profilati SpA di Fossatone di Medicina, storica azienda di estrusione di materiali metallici e alluminio con circa 150 dipendenti.

L’intesa è stata approvata dai lavoratori con una percentuale del 94% tramite referendum a scrutinio segreto e segna un punto di svolta per il sito.

Lo stabilimento di Fossatone infatti ha subito negli ultimi anni un importante processo di ampliamento e ammodernamento, con la messa in opera di un nuovo forno e una nuova pressa, capaci di aumentare la produttività, garantendo anche un minor volume di scarti di produzione. Tuttavia la crisi di mercato dell’ultimo anno ha fortemente limitato i risultati aziendali e le capacità produttive. Nonostante ciò un lungo e serrato lavoro di confronto ha permesso di raggiungere un accordo che risolve parte delle problematiche al centro delle rivendicazioni sindacali da almeno un decennio.

Nel merito, l’accordo interviene sul salario aumentando l’importo del premio di risultato a 850€ annui, mantiene l’acconto fisso da 720€ annui,  e introduce un superminimo collettivo per i lavoratori il cui stipendio è rappresentato esclusivamente dalle voci previste dalla contrattazione collettiva (aziendale e nazionale).

Dal punto di vista dei diritti l’accordo introduce elementi che vanno nella direzione della conciliazione fra esigenze di vita e lavoro. In particolare viene prevista una flessibilità in ingresso e in uscita di 30 minuti per tutti i lavoratori (non solo impiegati) le cui attività siano compatibili con tale normativa; vengono previsti 3 giorni annui retribuiti di “malattia figli” per i genitori con figli fino a 14 anni; si rendono più flessibili le regole per l’utilizzo dei permessi per assistenza a portatori di handicap; viene definita la banca delle ore solidale attraverso la quale i lavoratori possono donare ferie e permessi a colleghi in difficoltà; infine viene introdotta una normativa di miglior favore in tema di conservazione del posto di lavoro, escludendo dal conteggio nel periodo di comporto di gravi patologie.

L’accordo, poi, recepisce i protocolli contro le molestie e violenze di genere sui posti di lavoro, introduce la possibilità per le Rsu di proporre percorsi formativi e di crescita professionale retribuiti e inseirisce il welcome sindacale per i neoassunti.

L’accordo interviene sul tema dell’orario di lavoro, sotto un duplice punto di vista, relativo all’organico e ai turni avvicendati. La Profilati è infatti un’azienda che per il tipo di attività svolta (estrusione di barre di metallo) lavora con cigli produttivi lunghi, tendenzialmente su 3 turni giornalieri per 6 giorni la settimana. L’intesa prevede, quindi, una soglia organica minima legata ai turni in modo da garantire ai lavoratori salute e sicurezza, una corretta rotazione, un’articolazione della prestazione su massimo 5 giorni, un numero massimo di 8 sabati lavorativi nel coso di un anno solare, nonché un preavviso di 15 giorni in caso di cambio turno.  Il testo sottoscritto prevede anche l’aumento delle maggiorazioni economiche e l’introduzione di una indennità di turno di 5€ giornalieri per ogni turno notturno.

L’accordo, infine introduce anche la riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario, con riferimento ai turni che prevedono la prestazione nella giornata del sabato. Fermo restando il lavoro su 5 giorni, infatti, in caso di lavoro svolto nella giornata del sabato l’orario effettivo di lavoro settimanale sarà di 36,5 ore, in caso di turno di mattina, e di 35,5 h in caso di turno pomeridiano.

L’intese rappresenta una tappa importante di un lungo percorso di recupero della contrattazione aziendale che aveva visto prima la disdetta di tutti i contratti integrativi da parte dell’azienda e successivamente la firma di accordi separati (senza la Fiom) in tema di orario di lavoro, accordi che avevano diviso i lavoratori e peggiorato le condizioni generali.

L’attuale intesa, che avrà validità triennale, inverte la rotta, sia sull’orario di lavoro che sul salario, e prova ad unire per guardare al futuro della fabbrica e dei lavoratori.

Medicina, 09 aprile 2024

FIOM CGIL BOLOGNA

Condividi sui social