La FIOM a confronto con la Commissione UE
12 Maggio 2022

[av_hr class=’default’ icon_select=’yes’ icon=’ue808′ position=’center’ shadow=’no-shadow’ height=’50’ custom_border=’av-border-thin’ custom_width=’50px’ custom_margin_top=’30px’ custom_margin_bottom=’30px’ custom_border_color=” custom_icon_color=” av-desktop-hide=” av-medium-hide=” av-small-hide=” av-mini-hide=” id=” custom_class=” template_class=” av_uid=’av-vlgxco’ sc_version=’1.0′]

[av_textblock textblock_styling_align=” textblock_styling=” textblock_styling_gap=” textblock_styling_mobile=” size=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” font_color=” color=” id=” custom_class=” template_class=” av_uid=’av-l331pv3p’ sc_version=’1.0′ admin_preview_bg=”]
Oggi siamo andati alla sede della Commissione UE, su invito della Commissaria per la politica regionale Ferreira, per partecipare ad un dibattito con la stessa Ferreira e il Commissario alle politiche del lavoro Schmitt. Il dibattito, dal titolo The Power of Youth, ha visto la partecipazione di giovani rappresentanti di sindacati, movimenti, Ong e imprese, ed ha messo a confronto i diversi punti di vista sulla transizione ecologica.

Abbiamo avanzato in particolare queste rivendicazioni, condivise dal sindacato europeo dei metalmeccanici IndustriAll:
– Promuovere la contrattazione collettiva nei processi di transizione, tutelando i diritti e coinvolgendo i lavoratori nelle scelte strategiche.
– Pianificare a livello europeo, nazionale e territoriale, le scelte e gli investimenti per la transizione, senza lasciare la direzione dello sviluppo alle dinamiche del mercato.
– Finanziare a livello europeo, come già fatto nella pandemia con SURE, gli ammortizzatori sociali, per tutelare i lavoratori nelle riorganizzazioni aziendali e promuovere la formazione per nuove attività produttive sostenibili.

Infine, abbiamo rimarcato che la politica, ad ogni livello, deve coinvolgere i lavoratori prima delle decisioni, non quando i provvedimenti sono già stati adottati. Vogliamo partecipare alle scelte sul nostro futuro, non siamo meri spettatori.


[/av_textblock]

Condividi sui social