Rinnovato il Contratto aziendale IMA SpA per il triennio 2021/2023: un contratto che affronta i grandi cambiamenti del lavoro e del settore del packaging mettendo al centro la contrattazione
15 Marzo 2022

[av_textblock textblock_styling_align=” textblock_styling=” textblock_styling_gap=” textblock_styling_mobile=” size=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” font_color=” color=” id=” custom_class=” template_class=” av_uid=’av-l0s6394a’ sc_version=’1.0′ admin_preview_bg=”]
Dopo quasi due anni di negoziato, sospeso nel 2020 a causa dell’emergenza COVID, gestita applicando la clausola di ultrattività degli accordi esistenti e con intese specifiche legate alla fase emergenziale, le lavoratrici e i lavoratori di IMA SpA hanno approvato (con il 71,5% di voti favorevoli, 28,5% i contrari e un’affluenza al voto dell’80% dei lavoratori in tutti i siti – 2248 votanti complessivi) l’ipotesi di Accordo aziendale che interessa gli oltre 2800 addetti degli stabilimenti di Bologna, Calenzano (FI), Parma e Collecchio (PR) e Alessandria.

L’intesa prevede importanti avanzamenti della parte normativa quali il diritto di Assemblea sindacale presso IMA SpA per tutti i lavoratori dipendenti di aziende esterne, l’impegno comune a combattere violenze e molestie sul luogo di lavoro, la formazione dei responsabili per affrontare le diversità di genere, l’introduzione della Banca ore solidale, l’allargamento ai percorsi di studio non  tecnici delle Borse di studio per i figli dei dipendenti, la conferma del sostegno al piano di mobilità sostenibile finanziato da IMA per i Comuni di Ozzano e Castel San Pietro Terme, l’adeguamento agli aderenti al Fondo di previdenza Previlabor dei miglioramenti introdotti dal CCNL per gli aderenti al Fondo Cometa e l’apertura di un confronto sul tema dell’alternanza generazionale.

Particolare attenzione è rivolta al tema della Formazione e dell’Inquadramento; in particolare viene confermato il consistente pacchetto formativo già presente in IMA al quale si aggiunge un nuovo piano di formazione sui temi della digitalizzazione che coinvolgerà tutti i dipendenti. L’accordo prevede inoltre la rapida apertura di un confronto per aggiornare la mappatura delle competenze e aggiornare il sistema delle valorizzazioni professionali già presente in IMA anche sulla base della recente riforma dell’inquadramento professionale introdotta nell’ultimo CCNL.

L’accordo allarga ovunque possibile la flessibilità di orario in ingresso da 1 a 2 ore e rende strutturale l’utilizzo dello Smart working sperimentato durante l’emergenza COVID regolamentandone tutti gli aspetti relativi a strumentazione, sicurezza, orario di lavoro, diritto alla disconnessione, buono pasto e introducendo momenti di monitoraggio e confronto periodici per garantirne una gestione omogenea in tutti gli stabilimenti di IMA SpA.

Particolarmente innovativa è la parte dell’Accordo che regolamenta il tema dell’assistenza ai clienti a distanza, sempre più utilizzata durante l’emergenza COVID in alternativa alle trasferte di personale e che richiede nuovi tipi di competenze e professionalità nell’utilizzo di tecnologie digitali avanzate. L’accordo, su questo punto, regolamenta formazione, inquadramento professionale minimo (non inferiore al livello B1 – ex 5S), orari di lavoro, sicurezza, reperibilità (con relativo riconoscimento economico e di riposi compensativi ampiamente superiori a quanto previsto dal CCNL) e il riconoscimento di una indennità economica quando queste attività vengono richieste fuori dal turno di lavoro previsto, specificando che per le attività richieste in reperibilità e fuori orario vale il principio della volontarietà.

Per la parte economica il Premio di Risultato previsto sarà di 2700€ annui che sommato al Premio di Consolidamento (che prevede alla scadenza di rendere di fatto strutturale il 50% della media dei premi annui erogati nel triennio), in caso di raggiungimento degli obiettivi massimi previsti, porterà nel 2024 il salario variabile di IMA SpA per un lavoratore di livello C3 (ex 5) a € 5991 annui.

Bologna, 15 marzo 2022

FIOM CGIL        BOLOGNA/FIRENZE-PRATO/PARMA
[/av_textblock]

[av_image src=’http://www.fiom-bologna.org/wp-content/uploads/2022/03/landini-in-IMA.jpg’ attachment=’12978′ attachment_size=’full’ copyright=” caption=” image_size=” styling=” align=’center’ font_size=” overlay_opacity=’0.4′ overlay_color=’#000000′ overlay_text_color=’#ffffff’ animation=’no-animation’ hover=” appearance=” link=” target=” title_attr=” alt_attr=” img_scrset=” lazy_loading=’disabled’ id=” custom_class=” template_class=” av_element_hidden_in_editor=’0′ av_uid=’av-l0s64ks1′ sc_version=’1.0′ admin_preview_bg=”][/av_image]

Condividi sui social