RICONOSCIUTO L’INFORTUNIO SUL LAVORO A TUTTI I CONTAGIATI COVID IN FIAC COMPRESSORI
4 Gennaio 2022

E’ stato riconosciuto, da parte dell’INAIL e a seguito della vertenza avviata dalla CGIL, l’infortunio sul lavoro a tutte le lavoratrici ed i lavoratori dell’azienda FIAC Compressori di Pontecchio Marconi che nei mesi di Febbraio e Marzo 2021 si erano contagiati.
La Cgil insieme al Patronato INCA sostiene da tempo che se il contagio avviene in occasione del lavoro debba essere riconosciuto l’infortunio Inail.
In questo caso la Fiom di Bologna con la Rsu di FIAC ha avviato, sin da subito, tutte le pratiche con il patronato Inca per richiedere all’Inail che venisse riconosciuto l’infortunio alle 50 persone contagiate nella stessa azienda nel periodo sopra indicato. A seguito dell’istruttoria svolta è arrivata nei giorni scorsi la conferma del riconoscimento.
La qualificazione del periodo come infortunio e non come malattia è una tutela aggiuntiva per i lavoratori dal punto di vista contrattuale, per eventuali terapie post infezione e per il riconoscimento di postumi permanenti legati all’evento.
La Fiom Cgil Bologna e l’Inca di Bologna hanno lavorato in sinergia per questo tipo di riconoscimento ed esprimono soddisfazione per il riscontro certificato da parte dell’Inail.
Per questo motivo sollecitano tutte le lavoratrici ed i lavoratori, che ritengano di essersi contagiati sul luogo di lavoro, ad avviare tutte le procedure per il riconoscimento dell’infortunio e per fare valere i propri diritti.

FIOM CGIL BOLOGNA – INCA CGIL BOLOGNA

Bologna 4 gennaio 2022

Condividi sui social