Lem Srl: le lavoratrici e i lavoratori rilevano la loro azienda dal fallimento
1 Luglio 2021

E’ di oggi 30 Giugno 2021 la notizia che la newcoop Reno Fonderia Soc. Coop. si è aggiudicata all’asta fallimentare la Lem Srl.

La Cooperativa è stata costituita proprio dalle lavoratrici e dai lavoratori della Lem che a Giugno 2019 hanno subito il Fallimento della propria azienda, attraversando poi due anni di esercizio provvisorio e di utilizzo intensivo della cassa integrazione. Come Fiom-Cgil abbiamo seguito con attenzione e costanza tutti i delicati passaggi di questa vertenza, richiedendo l’apertura di un tavolo di crisi presso la Città Metropolitana di Bologna finalizzato ad assicurare la continuità produttiva e occupazione   e              garantire                      prospettiva     ai                 lavoratori,         in   un   territorio   –   quello dell’Appennino Bolognese – che negli ultimi anni ha purtroppo vissuto un processo di forte de-industrializzazione.

Questa operazione di Workers Buy Out nasce dalla forte volontà e dalla coraggiosa scelta dei lavoratori di non subire passivamente i destini della propria azienda, che non ha visto investitori disponibili a rilevarla e che rischiava di spegnersi definitivamente alla data di cessazione dell’esercizio provvisorio.

Scelta che abbiamo deciso di sostenere, dando il nostro contribuito e costruendo una positiva collaborazione con tutti gli attori sociali e istituzionali coinvolti.

Allo stesso tempo abbiamo tutelato con tutti gli strumenti a nostra disposizione i lavoratori che hanno deciso di non aderire al percorso di WBO, garantendo un ulteriore anno di utilizzo degli ammortizzatori sociali e l’attivazione delle politiche attive con l’Agenza Regionale per il Lavoro della Regione Emilia-Romagna.

Come Fiom-Cgil siamo soddisfatti della definizione di questa lunga e complessa vertenza e continueremo a monitorare e lavorare per garantire a tutti i lavoratori e le lavoratrici ex-Lem una occupazione stabile e di qualità sul territorio.

Fiom Cgil Bologna

Bologna, 30/06/2021

Condividi sui social