Romaco: i lavoratori e le lavoratrici approvano l’accordo su orario elastico, prestazioni orarie aggiuntive e smart working
30 Giugno 2021

E’ stato approvato dall’assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori della ROMACO un importante accordo, sperimentale per il periodo fino a fine anno, che interviene in materia di conciliazione tempi di lavoro e tempo personale e affronta una fase di crescita dell’azienda.

L’orario elastico è una richiesta storica, da sempre avanzata dalla RSU Romaco e dalla FIOM di Bologna, che finalmente – anche in occasione della realizzazione del nuovo stabilimento – trova una risposta e sarà attivo dalla giornata di domani, giovedì 1 luglio 2021.

Romaco, storica azienda del packaging bolognese che sta attraversando un periodo di crescita sostenuta – industriale e anche occupazionale (oggi sono poco più di 180 i dipendenti) -, sta ultimando il trasferimento nel nuovo stabilimento a Pian di Macina.

L’ipotesi di accordo presentata oggi all’assemblea dei lavoratori, che si è svolta nel nuovo stabilimento, prevede:

  • una conferma, fin dalle premesse, di una costante crescita dell’occupazione;
  • l’attivazione, a partire da domani 1 luglio 2021, di un orario elastico per tutte e tutti i dipendenti (operai ed impiegati) che consente ai lavoratori di anticipare o posticipare di mezz’ora l’ingresso al lavoro, uscendo a fine giornata di conseguenza rispetto all’orario di ingresso;
  • la possibile disponibilità per l’azienda di un pacchetto di 48 ore massime di prestazioni aggiuntive all’orario contrattuale da richiedere ai lavoratori con pianificazione settimanale che, sulla base della scelta individuale del singolo lavoratore, potranno essere trattate come ora di lavoro straordinario o gestite a recupero, con un trattamento di miglior favore rispetto a quanto previsto dal CCNL;
  • la formalizzazione della disponibilità a realizzare un accordo sullo smart work non appena si uscirà dalla situazione di emergenza e in quadro normativo più definito.

La FIOM-CGIL e la RSU Romaco esprimono soddisfazione per il risultato raggiunto che conferma l’importanza del sindacato in fabbrica e la qualità della contrattazione collettiva sviluppata nel territorio di Bologna.

Bologna, 30 giugno 2021

FIOM CGIL BOLOGNA                                                     RSU ROMACO

Condividi sui social