Nord Motoriduttori: raggiunto accordo sindacale su riduzione dell’orario e congedi straordinari.
21 Maggio 2020

Il 19 Maggio è stato sottoscritto tra la Nord Motoriduttori, azienda multinazionale produttrice di motori elettrici che occupa nello stabilimento di San Giovanni in Persiceto circa 170 lavoratori, e la RSU con le OO.SS. FIOM CGIL e FIM CISL, un importante accordo sindacale.

L’accordo prevede l’introduzione di 10 giorni di congedo straordinario, aggiuntivi a quelli previsti dalle normative (decreto “Cura Italia” e poi decreto “Rilancio”), fruibili da tutti i lavoratori con figli fino ai 14 anni di età, entro la riapertura delle scuole a Settembre.

L’azienda riconoscerà ai lavoratori che ne faranno utilizzo il 50% della retribuzione.

Viene inoltre previsto che dal 15 Giugno al 16 Agosto, l’orario di lavoro sarà ridotto, a parità di salario, di 30 minuti sui due turni giornalieri, attraverso l’istituzione di permessi retribuiti a totale carico azienda, per permettere lo scaglionamento dell’ingresso in azienda dei lavoratori e per ridurre il disagio dei lavoratori derivante dall’obbligo di indossare le mascherine, come previsto dal regolamento aziendale condiviso dal comitato di vigilanza aziendale sulle misure di sicurezza, nel periodo più caldo dell’anno.

L’accordo prevede inoltre la proroga per l’anno 2020 il Premio di Risultato previsto dalla contrattazione aziendale scaduta a Dicembre 2019, confermando l’erogazione dell’acconto di 600 euro con la retribuzione del mese di Maggio e un valore di riferimento del PDR pari a 1450 euro annui al raggiungimento di tutti gli obiettivi.

FIOM CGIL e FIM CISL del territorio di Bologna esprimono soddisfazione per un accordo che affronta la “FASE 2” ponendo al centro la condizione delle lavoratrici e dei lavoratori, a partire dalla loro la salute e sicurezza, introduce ulteriori tutele ai lavoratori impegnati a coniugare il lavoro con i carichi familiari, riduce l’orario di lavoro e garantisce il salario dei lavoratori.

FIOM CGIL BOLOGNA – FIM CISL AMB

Condividi sui social