Raggiunto accordo alla Bonfiglioli Riduttori sulle condizioni del ricorso alla cassa integrazione.
30 Marzo 2020

Oggi è stato siglato l’accordo per la cassa integrazione Covid-19 delle lavoratrici e lavoratori di Bonfiglioli Riduttori degli stabilimenti bolognesi e di Forlì.

L’intesa siglata prevede l’accesso all’ammortizzatore sociale previo scarico di eventuali ferie maturate e non godute al 31 dicembre 2019, l’anticipo del trattamento di cassa integrazione da parte dell’azienda, la maturazione integrale dei ratei di ferie, permessi e 13^ mensilità, nonchè una integrazione al reddito di 10 euro lordi per ciascuna giornata di sospensione.

L’accordo rappresenta un importante risultato ed è la conferma di un sistema di relazioni che, nel rispetto delle reciproche prerogative, continua a determinare soluzioni che garantiscono diritti, tutele e salario per i lavoratori anche in un contesto, come quello attuale, contraddistinto dall’emergenza del coronavirus.

Nel corso dell’incontro l’azienda ha informato le OO.SS. e le rappresentanze sindacali dell’intenzione di voler comunicare alle Prefetture di Forlì e Bologna la volontà di proseguire alcune, limitate attività funzionali a filiere considerate essenziali ai sensi del DPCM del 22 marzo e dei codici Ateco allegati allo stesso e aggiornati il 25 marzo.

Su questo punto come Fiom abbiamo sostenuto che la ratio del Decreto è quello di fermare tutte le attività, al netto di quelle ritenute indispensabili, per ragioni di salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori e abbiamo evidenziato non poche perplessità relativamente l’indispensabilità delle attività comunicateci. Detto ciò, la Fiom, con i suoi delegati RSU ed RLS, richiederà tutte le delucidazioni utili a comprendere tipologie produttive, lavoratori coinvolti e tempistiche per poi presentare le opportune osservazioni al tavolo di confronto con il Prefetto, affinchè possa prendere la decisione più corretta nel rispetto delle parti e, soprattutto, del diritto alle salute delle lavoratrici e lavoratori.

Fiom Cgil Emilia Romagna

Foto d’archivio

Condividi sui social